Al via in Italia la terza dose di vaccino. Ecco a chi toccherà

1 min, 18 sec

In Italia parte ufficialmente la campagna per la terza dose di vaccino anti-Covid. Come stabilito negli scorsi giorni, dopo l’ok dell’Aifa, è partita ieri la somministrazione di dosi addizionali per determinate categorie maggiormente esposte o più a rischio di malattia grave da Sars-Cov2. I primi a sottoporsi alla terza inoculazione, che avverrà solo con i sieri a mRna Pfizer e Moderna, saranno i soggetti immunocompromessi.

Advertisement

A CHI SPETTA LA TERZA DOSE
Nella categoria rientrano i soggetti che sono stati sottoposti a trapianto di organo e quelli in attesa di farlo, ma anche chi per altre ragioni ha una compromissione della risposta immunitaria: chi ha un tumore ed è in cura con terapie immunosoppressive, i malati gravi di Aids, chi è in dialisi o ha un’insufficienza renale grave. Nelle prossime settimane toccherà poi agli over 80, ai pazienti delle Rsa e anche agli operatori sanitari. Per il resto della popolazione, non è stata ancora presa una decisione. Al contrario di Israele, dove la campagna per la terza dose è stata estesa a tutti gli over 12.

COSA FARE PER RICEVERE IL VACCINO
Le procedure variano da regione a regione. In molte, sono gli stessi ospedali o medici curanti a contattare i soggetti immunocompromessi per fissare un appuntamento. La terza dose si può ricevere sia negli hub vaccinali che in ospedale che nello studio medico. La Regione Lazio, ad esempio, ha già iniziato a contattare telefonicamente i soggetti trapiantati. In altre Regioni, invece, toccherà ai cittadini prenotarsi, come hanno fatto per la prima dose. (agenzia DIRE

Advertisement
)

Advertisement

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %