Ucraina, bus gratuiti per profughi ucraini arrivati in Italia. Iniziativa solidale per trasferimenti verso regioni del Sud

Biglietti gratuiti per i trasferimenti in bus dei profughi ucraini che arrivano in Italia. E’ l’iniziativa di MarinoBus, società italiana del trasporto passeggeri su gomma, che risponde così “agli appelli…

Ucraina, bus gratuiti per profughi ucraini arrivati in Italia. Iniziativa solidale per trasferimenti verso regioni del Sud

1 min, 10 sec

Biglietti gratuiti per i trasferimenti in bus dei profughi ucraini che arrivano in Italia.

E’ l’iniziativa di MarinoBus, società italiana del trasporto passeggeri su gomma, che risponde così “agli appelli alla solidarietà – si legge in una nota – nei confronti dei cittadini ucraini in fuga dal conflitto che ha investito il loro Paese e che cercano rifugio anche in Italia”.

A chi è fornito di passaporto ucraino, MarinoBus offre gratuitamente la possibilità di viaggiare sui propri automezzi di linea nelle tratte a lunga percorrenza verso Puglia, Campania, Calabria e Basilicata da tutte le città del Centro-Nord Italia servite (Milano, Trieste, Trento, Udine). “Il servizio – dice l’azienda – permetterà così di rendere più semplici i ricongiungimenti dei profughi con i familiari che vivono in Italia o il raggiungimento di luoghi di ospitalità sicuri”.
“Di fronte a una situazione così drammatica e preoccupante – dice Gerardo Marino, amministratore unico di MarinoBus – , non si può restare semplici spettatori ma si ha il dovere etico di sostenere, con un aiuto concreto e nei limiti delle proprie possibilità, bambini, donne e uomini che, inevitabilmente smarriti, disorientati e fragili, arrivano dall’Ucraina in un Paese straniero”.
Il servizio è già attivo, prenotando al numero telefonico 080.3112335. L’azienda ha provveduto a comunicare l’iniziativa anche ad alcune delle rappresentanze diplomatiche di Kiev nel nostro Paese perché possano informare dell’opportunità i propri cittadini in ingresso in Italia e assisterli nella fase di prenotazione. (ANSA).

Lascia un commento