Le donne delle sezioni calabresi dell’ANDE si sono incontrate a Lamezia Terme in vista del convegno nazionale

Img 3609

Il sostegno ad efficaci politiche di pace che devono vedere un’Europa soggetto attivo, in grado di svolgere una più forte ed incisiva politica estera sulla scena mondiale e un maggiore impegno delle istituzioni a tutti i livelli nel contrastare il dramma dei femminicidi e della violenza contro le donne.

Sono stati questi i temi principali introdotti da Marisa Fagà, presidente nazionale dell’ANDE (l’Associazione Nazionale Donne Elettrici) alla riunione delle sezioni calabresi svoltasi venerdì 10 novembre a Lamezia Terme anche in vista del prossimo Convegno nazionale che si terrà in aprile a Napoli.

Nel corso dell’incontro, che ha visto la partecipazione delle presidenti delle sezioni di Catanzaro, Lamezia Terme e Soverato e delle altre “da remoto” per le difficili condizioni climatiche e di una nutrita rappresentanza di socie, si è sviluppato un ampio e approfondito dibattito che ha definito “prioritaria” una campagna di sensibilizzazione a tutti i livelli istituzionali per un’Europa capace ancora una volta di rispondere alle sfide della Storia.

Pertanto, in vista delle elezioni europee l’associazione ANDE avvierà un dibattito, in particolare con i giovani e con le donne, nelle scuole e nelle università, per incentivare la partecipazione al voto visti gli osceni risultati con cui l’ultimissima tornata elettorale ha eletto alcuni rappresentanti istituzionali: il senatore Galliani è stato eletto con solo il 19 per cento dei votanti. La nuova Europa che l’ANDE auspica è un’Europa verde, digitale e geopolitica.

In prossimità del 25 novembre, Giornata contro la violenza sulle donne, in linea con lo spirito che sostiene l’ANDE, di collaborazione a livello nazionale, regionale e locale, le componenti delle Sezioni calabresi si sono impegnate a divulgare presso tutte le Amministrazioni il documento approvato dal Consiglio Nazionale “per sostenere lo sforzo coeso delle Istituzioni contro il femminicidio ed ogni violenza sulle donne e di genere, in modo da condurre una lotta contro questi crimini che diventi una priorità da affrontare con efficaci strumenti di prevenzione e di repressione”.

Le presidenti e le socie dell’ANDE della Calabria saranno impegnate “ad ampliare ed approfondire il dibattito sui temi della violenza di genere, con mirate campagne di sensibilizzazione per rafforzare l’empowerment femminile anche e soprattutto fra le giovani generazioni affinché si formi una nuova leadership consapevole e professionale”. “Forte sarà – hanno affermato – il nostro lavoro propositivo a tutto campo nei settori più critici della società civile affinché si arrivi a risultati concreti”.