Cosenza, 4 arresti dei Carabinieri per detenzione illecita di sostanze stupefacenti in concorso

Nell’ambito delle attività di contrasto al fenomeno di spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri del Comando Compagnia di Cosenza, nel corso di uno specifico servizio di controllo del territorio svolto…

Cosenza, 4 arresti dei Carabinieri per detenzione illecita di sostanze stupefacenti in concorso

1 min, 21 sec

Nell’ambito delle attività di contrasto al fenomeno di spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri del Comando Compagnia di Cosenza, nel corso di uno specifico servizio di controllo del territorio svolto nella giornata di ieri, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, 4 persone.

Al riguardo, si comunica, nel rispetto dei diritti degli indagati (da ritenersi presunti innocenti in considerazione dell’attuale fase del procedimento fino ad un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) al fine di garantire il diritto di cronaca costituzionalmente garantito, che i Carabinieri della Stazione di Cosenza Centro, all’esito di una perquisizione domiciliare, hanno tratto in arresto in flagranza di reato 4 uomini, italiani, di età compresa fra i 21 ed i 26 anni, per detenzione illecita di sostanze stupefacenti in concorso.

In particolare, all’esito della perquisizione svolta all’interno di una stanza di una struttura ricettiva, i militari operanti rinvenivano e sequestravano 100 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish, suddivisi in 63 singoli involucri e 55 grammi di marijuana, suddivisi in 80 singoli involucri. Nella circostanza, venivano inoltre sequestrati 1 bilancino di precisione, 3 coltelli con la lama intrisa di sostanza stupefacente e ritagli in materiale plastico per il confezionamento della sostanza stupefacente illecitamente detenuta.

Nel corso dell’attività di perquisizione veniva, inoltre, rinvenuta e sequestrata una rilevante somma in contanti, suddivisa in banconote di piccolo taglio, ritenuta provento dell’accertata attività illecita.

Al termine delle formalità di rito, gli arrestati sono stati condotti presso le proprie abitazioni, in regime di arresti domiciliari, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria procedente, in attesa del rito direttissimo previsto per la giornata di oggi.

Lascia un commento