“Sistema Rende”, assolti tutti gli imputati

Sandro Principe: “Sono felice, ma anche distrutto. Con la mia esperienza, qualcosa certamente potrò ancora fare per la mia terra e di supporto ai giovani. Fare politica significa dare un contributo e non stare necessariamente nelle istituzioni”

 “Sistema Rende”, assolti tutti gli imputati

Sandro Principe: “Sono felice, ma anche distrutto. Con la mia esperienza, qualcosa certamente potrò ancora fare per la mia terra e di supporto ai giovani. Fare politica significa dare un contributo e non stare necessariamente nelle istituzioni”

COSENZA – Il Tribunale di Cosenza ha assolto tutti gli imputati del processo scaturito dall’inchiesta “Sistema Rende”, condotta nel 2016 dalla Dda di Catanzaro. Tra gli assolti, “per non avere commesso il fatto”, ci sono gli ex sindaci di Rende Sandro Principe, già deputato socialista, ed Umberto Bernaudo e gli ex assessori Pietro Ruffolo e Giuseppe Gagliardi.


I reati contestati agli imputati erano concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione elettorale aggravata dal metodo mafioso.
La pubblica accusa aveva chiesto la condanna di Principe a 9 anni di reclusione, di Bernaudo a 8 anni, di Ruffolo a 7 anni e 6 mesi e di Gagliardi a 2 anni.
“Da un lato – ha commentato Principe – c’è grande soddisfazione e ringrazio i miei legali, gli avvocati Franco e Paolo Sammarco e Anna Spada, ma dall’altro una grande sofferenza. Sono felice, ma anche distrutto. Con la mia esperienza, qualcosa certamente potrò ancora fare per la mia terra e di supporto ai giovani.
Fare politica significa dare un contributo e non stare necessariamente nelle istituzioni”. (ANSA)