I legali dei parenti delle vittime naufragio di Cutro depositano memoria a Pm

CROTONE – Gli avvocati del pool che gratuitamente assiste alcuni familiari di vittime del naufragio di Steccato di Cutro, hanno depositato alla Procura di Crotone, una memoria a cui sono allegati anche alcuni documenti quali la direttiva del 2005 dell’allora ministro dell’Interno Pisanu sul fenomeno migratorio in cui si parla di “monitorare il barcone, soccorso solo in caso di pericolo imminente”.

Viene poi richiamata una direttiva Ue del 2014 – “le fonti del diritto non si allegano” spiega l’avv. Francesco Verri – in cui alla fase 3, del pericolo, si fa presente di intervenire se la situazione “fa pensare alla probabilità di un pericolo”. (ANSA).