Riparte il Festival delle Migrazioni

ACQUAFORMOSA – Sarà una edizione molto particolare quella del Festival delle Migrazioni 2022 che l’Associazione “Don Vincenzo Matrangolo” ETS sta organizzando per questa estate. La XI edizione, infatti, a dire…

ACQUAFORMOSA – Sarà una edizione molto particolare quella del Festival delle Migrazioni 2022 che l’Associazione “Don Vincenzo Matrangolo” ETS sta organizzando per questa estate. La XI edizione, infatti, a dire dagli organizzatori, «avrà la finalità di ragionare criticamente e comunitariamente sulle problematiche dell’accoglienza, sulle forme di sfruttamento di cui, spesso inconsapevolmente, siamo corresponsabili e sui campi di azione su cui necessario operare per “tenere saldamente il campo”». L’evento di quest’anno, dunque, oltre a puntare sulle nuove prospettive di accoglienza per riscrivere «un manifesto comune per l’accoglienza e l’inclusione delle persone in migrazione e per l’intervento attivo di cambiamento dei contesti fisici e culturali».
E su queste note, l’Associazione “Matrangolo” ha voluto presentare un programma che, per la prima volta nella sua storia, si svolge nei comuni che ospitano i progetti SAI. Nello specifico si parte il 12 agosto con una giornata di pre-festival a San Sosti per presentare l’idea di festival e l’idea del manifesto. La prima e la seconda giornata si svolgeranno a Cerzeto e San Benedetto Ullano, rispettivamente 25 e 26 agosto, dove saranno approfondite tematiche particolari e analizzate criticamente i contesti entro cui l’Associazione opera. La terza giornata a San Giorgio Albanese, il 27 agosto, servirà per incontrare gli operatori dell’Associazione e i partners per ascoltarsi e provare ad immaginare gli elementi essenziali del lavoro futuro e gli elementi fondamentali per la stesura del manifesto. La quarta giornata a Vaccarizzo Albanese, il 28 agosto, sarà centrata sull’incontro della rete e la presentazione del manifesto. La quinta e la sesta giornata a San Basile e Acquaformosa, rispettivamente il 29 e il 30 agosto, si celebrerà la chiusura del festival. E se il programma sarà così spalmato in sette giornate in tutto, i dettagli, fanno sapere dall’Associazione, saranno resi noti nei prossimi giorni.

Advertisement