Il Punto/ Il caos all’uscita delle scuole di un qualsiasi sabato: i controlli dove sono?

di Marco Foti* – Vi è mai capitato di transitare a Lamezia Terme in un qualsiasi sabato scolastico all’orario di uscita degli studenti che frequentano i plessi scolastici situati nel quadrilatero delle vie Aldo Moro, Cristoforo Colombo, Leonardo Da Vinci e Vittorio Bachelet?

Partiamo da una definizione: “Dottrina sociale e politica che propugna l’abolizione dell’autorità costituita e accentrata, nonché di ogni forma di costrizione esterna. Assenza di ordine, governo, autorità; confusione, disordine caotico”.

Parliamo di anarchia.

Benvenuti nella città dove il trasporto pubblico è una chimera, benvenuti nella cittadina dove i mezzi pubblici extraurbani (in altri territori, corriere) sostano per far salire gli studenti in doppia e tripla fila.

Benvenuti nella città dove è totalmente assente il controllo del traffico nelle ore di punta, benvenuti nella città dove gli studenti devono fare vere e proprie gincane tra automobili parcheggiate, bus in attesa con il motore diesel accesso, anche dalla parte opposta della carreggiata, parcheggiati senza alcun rispetto del codice della strada e soprattutto al di fuori di una qualsiasi fermata autorizzata, dove gli studenti e gli utenti del TPL rischiano il sabato la propria incolumità.

Peccato che il settore del TPL non sia un ambito lasciato a se stesso a Lamezia Terme. Il servizio urbano è regolare, puntuale, si conoscono fermate ed orari di passaggio dei mezzi, i quali sono riconoscibili con indicazioni a lettore ottico, gli autisti indossano le divise ed allacciano le cinture di sicurezza e non utilizzano smartphone mentre guidano.

Davvero un peccato assistere a questo disagio il sabato mattina ed a pranzo. Sono certo che i nostri amministratori attenti alle esigenze dei cittadini risolvano a breve le criticità rilevate dalla sosta abusiva di un terminal bus arrangiato il sabato scolastico, dovuto alla presenza del mercato nel luogo adibito a reale terminal intermodale.

Peccato perché si andrebbe ad intaccare l’ottimo lavoro svolto sin qui, nel “Sabato del villaggio”.

Ad maiora.

*Pugliese di origini, Marco Carmine Foti ha vissuto e studiato a Reggio Calabria dove si è laureato in Ingegneria Civile e specializzato nel settore dei trasporti e della logistica. Vive e lavora a Genova dove svolge la sua attività professionale prevalentemente nel campo della pianificazione e progettazione dei trasporti, studi di fattibilità tecnica e analisi economico-finanziarie, piani di riqualificazione e studi di sistemi ed infrastrutture di trasporto. Membro della Commissione Trasporti dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova, è stato più volte selezionato tra gli esperti di riferimento per il MIT.