Sapia (L’alternativa c’è) chiede le dimissioni dell’assessore Talarico, “gesto opportuno, intervenga anche il presidente Spirlì”

1 min, 2 sec

«Il ritorno in giunta di Franco Talarico merita una netta censura politica. L’assessore della Regione Calabria al Bilancio e al Personale è coinvolto nell’inchiesta Basso profilo, della Dda di Catanzaro, con l’ipotesi di corruzione elettorale. Pertanto, ora dovrebbe mettersi da parte e difendersi, com’è suo diritto».

Lo afferma, in una nota, il deputato Francesco Sapia, di L’alternativa c’è, che sottolinea: «Soprattutto adesso, in Calabria c’è bisogno di segnali chiari, inequivocabili. Occorrono esempi pubblici, perché la questione morale – rimarca il parlamentare di L’alternativa c’è – non può essere retorica, passerella, atteggio, chiacchiere e contraddizioni. Non si tratta di cedere al giustizialismo, ma di affermare un principio: davanti a inchieste pesanti, è giusto che i politici coinvolti, innocenti sino a sentenza definitiva, facciano un passo indietro e rinuncino a ruoli di responsabilità pubblica per provare la loro estraneità ai fatti contestati».

«Invito il presidente facente funzione, Nino Spirlì, a intervenire con fermezza, nel caso in cui – conclude Sapia – Talarico non volesse dimettersi. La presidente Jole Santelli volle in giunta un uomo dello Stato come il colonnello Ultimo, proprio per significare la sua attenzione verso la legalità e l’etica pubblica, i due vaccini più efficaci per il futuro della nostra terra».

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento