Marco Foti (FdI): “Lungomare Falcone Borsellino, luogo dal potenziale inespresso”

“Sono costretto a ritornare sul tema lungomare Falcone – Borsellino, gioiello grezzo di Lamezia Terme.

Nel febbraio dell’anno scorso ho provato a stimolare un’amministrazione latente, speranzoso che la nuova governance portasse una ventata di cambiamento ed innovazione. Invece, nulla.

La stampa, nei giorni scorsi, è stata interessata dalle lamentele diffuse in ordine alla totale assenza organizzativa lungo la promenade lametina.

Il nostro lungomare, appunto, dal potenziale inespresso.
È andato deserto il bando per l’assegnazione temporanea delle aree dell’arenile da luglio ad ottobre 2022.
L’obiettivo dell’amministrazione, illo tempore, si concentrava sull’animazione della stagione estiva nell’ambito dell’iniziativa “Città di Mare e d’Amare”.

Una proposta progettuale che vedeva all’unisono l’animazione del lungomare e l’implementazione delle navette urbane a supporto dell’accessibilità da/per il lungomare.

Il risultato è sotto gli occhi tutti. Il trasporto pubblico non è utilizzato ed il lungomare è totalmente assente di servizi essenziali ai turisti che si azzardano a frequentarlo.

Il lungomare Falcone – Borsellino ha necessità di un progetto di restyling, un intervento che veda il miglioramento dell’accessibilità, della viabilità e pedonalità dell’area, l’introduzione di servizi tecnologici e, soprattutto, la disponibilità dei servizi turistici e commerciali.

Un intervento che dovrà costituire un’occasione di riscatto per lo sviluppo dell’economia locale e dovrà rendere minima la necessità di gestione e manutenzione da parte del Comune”.

È quanto dichiara Marco Carmine Foti, dirigente nazionale del Dipartimento Trasporti di Fratelli d’Italia