L’Unical arriva nel centro storico di Cosenza: nasce l’incubatore di imprese per cultura e turismo

Il rettore dell’Università della Calabria, Nicola Leone, insieme ai suoi delegati, presenterà giovedì 6 ottobre alle ore 11 nell’Aula Caldora dell’Unical il progetto “Cosenza Open Incubator”.

Si tratta del primo importante passo di avvicinamento – anche logistico – dell’Unical verso il territorio, dato che l’incubatore di imprese avrà sede nel Convitto nazionale Telesio, messo a disposizione dalla Provincia di Cosenza. Il sito è attualmente interessato da lavori di ristrutturazione, motivo per cui il Comune di Cosenza, nell’attesa, ha offerto all’Unical ospitalità nello storico Palazzo Spadafora, nel centro storico della città.

In particolare il progetto si sviluppa nell’ambito del Contratto istituzionale di sviluppo (Cis) che ha assegnato alla città 90 milioni per la rigenerazione del centro storico, uno dei quali destinato all’Unical per promuovere la selezione di startup con idee progettuali finalizzate alla creazione e allo sviluppo di imprese nel territorio, con particolare attenzione per il contesto turistico-culturale. L’Unical ha già emanato un bando, con scadenza 31 ottobre 2022, per la selezione delle startup che saranno ospitate nell’incubatore di imprese nel centro storico.

Tutti i particolari saranno illustrati nel corso della conferenza stampa che vedrà la partecipazione, oltre che del Rettore, di Anna Laura Orrico, attuatrice Cis Calabria, di Maurizio Muzzupappa, delegato del Rettore al Trasferimento tecnologico dell’UniCal, di Andrea Attanasio, responsabile area Ricerca innovazione e impatto sociale dell’Unical, di Franz Caruso, sindaco di Cosenza, di Rosaria Succurro, presidente della Provincia di Cosenza, di Alfredo Fortunato, presidente della Sezione terziario innovativo di Unindustria Calabria, di Klaus Algieri, presidente della Camera di Commercio di Cosenza e di Antonio Costabile, delegato del Rettore alla Missione sociale dell’UniCal.