Catanzaro, sulla balconata Bellavista è “obbligatorio” baciarsi, bella iniziativa della cooperativa Artemide

Per favore baciatevi, “Kiss Please”. È questo il primo cartello stradale realizzato dalla cooperativa Artemide che, dopo il grande successo di condivisioni sui social nello scorso dicembre, ha trovato la…

Catanzaro, sulla balconata Bellavista è “obbligatorio” baciarsi, bella iniziativa della cooperativa Artemide

1 min, 10 sec

Per favore baciatevi, “Kiss Please”. È questo il primo cartello stradale realizzato dalla cooperativa Artemide che, dopo il grande successo di condivisioni sui social nello scorso dicembre, ha trovato la sua collocazione definitiva sulla balconata di Bellavista grazie alla collaborazione dell’amministrazione comunale. Lo rendono noto il Presidente del Consiglio comunale, Marco Polimeni, e l’assessore al Turismo, Alessandra Lobello.
Il profilo del cartello, realizzato dall’artista Francesca Paone, raffigura due innamorati intenti a darsi un bacio sulla vista più suggestiva di Catanzaro. Inoltre sul cartello è presente un QR code che, se inquadrato con il telefonino, consente la lettura di una poesia originale di Elena Verzì. L’iniziativa è il primo tassello del progetto Social Signal che Artemide vuole portare avanti installando, nei luoghi più suggestivi della città, dei cartelli stradali che trasformano i luoghi storici in postazioni social dove condividere una foto e divulgare la bellezza e la storia della città attraverso l’hashtag sarà #amacatanzaro.

“La proposta ideata dai ragazzi della cooperativa – commentano Polimeni e Lobello – merita la più ampia condivisione, da parte dell’amministrazione che di tutti i cittadini, nel comune obiettivo di contribuire alla valorizzazione della città e al marketing territoriale, coniugando storia e tradizioni con le opportunità offerte dal web e dai social.  Un progetto che merita di essere supportato nel tempo, e che conferma quanto la vitalità e la partecipazione dei giovani catanzaresi siano dei valori aggiunti a servizio della propria terra”.

Lascia un commento