Al lametino Sergio Servidone la Stella d’oro del Coni, benemerenza al merito sportivo per la categoria dirigenti

Nel magnifico Teatro “Francesco Cilea” di Reggio Calabria, si è svolta la annuale cerimonia di consegna delle benemerenze nell’ambito sportivo regionale calabrese. L’iniziativa è stata curata dal Coni della Calabria guidato dal presidente Maurizio Condipodero.

Tra le benemerenze consegnate, la Stella d’oro del Coni al merito sportivo per la categoria dei dirigenti, assegnata al lametino Sergio Servidone. Ad affiancare il premiato il consigliere nazionale dello CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) Francesco De Nardo ed il consigliere del Comitato regionale Calabria CSEN, Armando Petullà.

Nella sua quasi cinquantennale esperienza, Sergio Servidone ha ricoperto ruoli dirigenziali in diverse federazioni sportive; attualmente ricopre gli incarichi di vicepresidente provinciale CSEN di Catanzaro e di segretario del Comitato regionale dello CSEN Calabria. La Stella d’oro al merito sportivo è la più alta onorificenza assegnata ad un dirigente sportivo. Sergio Servidone è stato ed è al servizio dello sport in Calabria e non solo, avendo alle spalle l’organizzazione e la collaborazione di decine di eventi provinciali, regionali, nazionali e internazionali.

Ha collezionato incarichi di prestigio ricoprendo ruoli apicali, impegnandosi sempre con umiltà, serietà e grande dedizione; considerando lo sport come un veicolo per contribuire a rendere migliore la società attraverso la trasmissione di valori autentici: in ossequio alla mission dello CSEN. Servidone è stato addirittura un precursore dei tempi nel mondo paralimpico essendo stato impegnato personalmente in numerose iniziative che hanno favorito l’inclusione degli atleti disabili. Inoltre è stato presidente della Consulta dello sport al Comune di Lamezia Terme per sette anni consecutivi.