Agricoltura, Sos di Parentela (M5S): “necessario tenere alta l’attenzione, per evitare che le tante risorse disponibili finiscano nelle mani della ‘ndrangheta”

«Apprezzo il lavoro della Dda reggina e dei carabinieri del Ros e dei Comandi provinciali di Reggio Calabria e di Milano, culminato nel sequestro di beni di un componente della…

Agricoltura, Sos di Parentela (M5S): “necessario tenere alta l’attenzione, per evitare che le tante risorse disponibili finiscano nelle mani della ‘ndrangheta”

«Apprezzo il lavoro della Dda reggina e dei carabinieri del Ros e dei Comandi provinciali di Reggio Calabria e di Milano, culminato nel sequestro di beni di un componente della…

1 min, 16 sec

«Apprezzo il lavoro della Dda reggina e dei carabinieri del Ros e dei Comandi provinciali di Reggio Calabria e di Milano, culminato nel sequestro di beni di un componente della famiglia Piromalli, che, secondo risultanze investigative e processuali, avrebbe esercitato un controllo sulla filiera agricola reggina, perfino riuscendo, con lucro considerevole, ad entrare nel mercato statunitense attraverso una serie di operazioni, ritenute fraudolente». Lo afferma, in una nota, il deputato M5S Paolo Parentela, componente della commissione Agricoltura, che sottolinea: «Al di là degli aspetti processuali, è emerso il chiaro dominio di un pezzo del settore ortofrutticolo reggino, che ha prodotti di elevata qualità e peraltro nuove opportunità di crescita grazie agli strumenti di accesso al credito e alle enormi risorse che il governo e il parlamento, su nostro impulso, hanno stanziato attraverso le misure specifiche del Pnrr, la recente legge di bilancio e i decreti sostegni».

«L’attività della magistratura e delle forze dell’ordine – continua il deputato M5S – è dunque fondamentale, anche per salvaguardare le risorse agricole della Calabria, che rappresentano, soprattutto oggi, uno strumento di forte ripresa economica e di creazione di posti di lavoro, dunque di resistenza ai condizionamenti delle organizzazioni criminali». «Bisognerà tenere alta l’attenzione, in modo – conclude Parentela – da evitare che i finanziamenti destinati allo sviluppo dell’agricoltura calabrese possano essere intercettati da aziende della ’ndrangheta o ad essa riconducibili. Per questo è necessario un maggiore collegamento tra i vari livelli istituzionali e una più aperta collaborazione tra gli operatori della filiera agricola e le forze dell’ordine».

Lascia un commento