Lamezia Terme, reinstallata nuova targa “Pino Cosentino” nell’area mercatale 

Oggi pomeriggio l’Associazione culturale San Nicola ha provveduto ad affiggere una nuova targa nell’area mercatale “Pino Cosentino” a Sambiase. Il sodalizio, guidato da Pino Morabito, ha inteso così rendere omaggio…

Lamezia Terme, reinstallata nuova targa “Pino Cosentino” nell’area mercatale 

Oggi pomeriggio l’Associazione culturale San Nicola ha provveduto ad affiggere una nuova targa nell’area mercatale “Pino Cosentino” a Sambiase. Il sodalizio, guidato da Pino Morabito, ha inteso così rendere omaggio…

Oggi pomeriggio l’Associazione culturale San Nicola ha provveduto ad affiggere una nuova targa nell’area mercatale “Pino Cosentino” a Sambiase.

Il sodalizio, guidato da Pino Morabito, ha inteso così rendere omaggio al compianto Pino Cosentino, prematuramente scomparso nel 2013.

Cosentino, ingegnere di professione, era stato impegnato per diverso tempo anche in politica ed aveva ricoperto il ruolo di consigliere comunale. L’area mercatale di Sambiase venne intitolata a lui durante la seconda consiliatura Speranza nel 2015; negli ultimi tempi la targa originale è stata oggetto di vandalismo così come tutta l’area a ridosso della centralissima piazza 5 Dicembre.

Reinstallando una nuova targa l’associazione intende così ricordare l’autorevole figura dello stimato professionista e vuol anche gettare un ‘primo seme’ per la riqualificazione di un’area importante dove si possono svolgere eventi e manifestazioni di vario genere, oltre che i consueti mercatini rionali. Si tratta di una zona da troppo tempo abbandonata all’incuria e al degrado, nell’indifferenza di tutti.

“La nuova targa è il primo passo per prestare cura e attenzione ai nostri quartieri – sottolinea il presidente Morabito – una lezione di educazione civica per giovani e adulti, invitati ad amare ogni angolo della propria città”.

Alla scopertura della nuova targa hanno partecipato i familiari di Pino Cosentino e i soci dell’Associazione San Nicola. Padre Giovanni Sposato, del locale convento dei Minimi, ha benedetto la targa.