“Un Albero per il Futuro” al Liceo Campanella

Il Liceo “Campanella” ha aderito al progetto Nazionale promosso dai Carabinieri della Biodiversità e dal Ministero della Transizione ecologica che ha come obiettivo la sensibilizzazione verso il rispetto e la tutela dell’ambiente in cui viviamo.

“Un Albero per il Futuro” al Liceo Campanella

Il Liceo “Campanella” ha aderito al progetto Nazionale promosso dai Carabinieri della Biodiversità e dal Ministero della Transizione ecologica che ha come obiettivo la sensibilizzazione verso il rispetto e la tutela dell’ambiente in cui viviamo.

Nella mattinata di ieri presso l’Auditorium del Campanella si è svolta la manifestazione “Un albero per il futuro”, iniziativa avviata dalla prof.ssa Silvana Sesto e rientrante nelle attività del progetto d’istituto “Contagiati dalla Gentilezza”.

Presenti all’evento l’assessore alla cultura del Comune di Lamezia Terme, dott.ssa Giorgia Gargano e il personale civile e militare dei Carabinieri della Biodiversità di Catanzaro.

Il Liceo “Campanella” ha aderito al progetto Nazionale promosso dai Carabinieri della Biodiversità e dal Ministero della Transizione ecologica che ha come obiettivo la sensibilizzazione verso il rispetto e la tutela dell’ambiente in cui viviamo; principi verso i quali la scuola da sempre si adopera con attività tese alla sensibilizzazione e alla valorizzazione dell’ambiente circostante e delle pratiche positive.

Ad aprire i lavori e a dare il benvenuto alle autorità presenti l’orchestra diretta dal Prof. Daniele Augruso e il coro preparato dalla Prof.ssa Giovanna Massara del Liceo Musicale che si sono esibiti con l’Inno di Mameli arrangiato dal Prof. Giovanni Mazzuca.

A portare i saluti della Dirigente Scolastica Susanna Mustari, la collaboratrice della Dirigente Prof.ssa Olinda Suriano che ha evidenziato l’attenzione della scuola verso le tematiche della biodiversità e soprattutto l’attenzione, in questi ultimi anni “verso l’Agenda 2030 che, dell’economia circolare, dell’ecosostenibilità, del contrasto all’inquinamento, della tutela del patrimonio ambientale ha fatto un punto di ri-partenza sociale e civile”.

Guardare al futuro, rafforzando non solo in senso metaforico le radici; rinvigorire la “terra” che negli ultimi decenni ha sofferto la “dimenticanza” dell’uomo che si è sempre considerato al di fuori della Biosfera, e pertanto ha reso possibile una sistematica aggressione alla Natura creando un modello “culturale” che ha compromesso molti ecosistemi. Questi gli argomenti affrontati dagli esperti e ripresi nell’intervento dell’assessore Gargano che ha plaudito all’iniziativa: “Mi fa piacere questo nuovo incontro con il Liceo Campanella sulla traccia della gentilezza. Oggi la gentilezza nei confronti della natura, che diventerà la normalità quando capiremo di essere creature tra le creature, tutti parimenti ospiti di un pianeta”.

Riflessioni marcate anche dagli esperti del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari (CUFA), i quali dal 2020 promuovono il progetto nazionale di educazione alla Legalità ambientale. “Rispetto, attenzione, cura, futuro sono i comuni denominatori di un’azione che è opportunità non solo per avvicinare concretamente i giovani alle tematiche ambientali, ma anche per contribuire a ridurre il riscaldamento globale attraverso la messa a dimora di migliaia di piantine, futuri alberi, che costituiranno un bosco diffuso”. Un percorso reale di consapevolezza ecologica, per migliorare la qualità ambientale di molte aree e contribuire a mitigare i cambiamenti climatici.

“C’è una sfida globale in atto, una rivoluzione verde che coinvolge tutti ed invita a modificare il nostro stile di vita e prendersi cura dell’ambiente in cui viviamo.

A conclusione dell’incontro sono stati piantumati ben sei alberelli, il cui valore simbolico rappresenta un investimento in buone pratiche che potranno garantire un futuro più verde.