Venerdì Santo, dopo due anni di stop ritorna la Processione dei “Mistiari”

Dopo lo stop dovuto alla pandemia, le statue dei “Mistiari”, custodite nella chiesa dell’Annunziata, “riprenderanno” il loro cammino nel giorno del Venerdì Santo, come da tradizione. Infatti, il 15 aprile…

Venerdì Santo, dopo due anni di stop ritorna la Processione dei “Mistiari”

Dopo lo stop dovuto alla pandemia, le statue dei “Mistiari”, custodite nella chiesa dell’Annunziata, “riprenderanno” il loro cammino nel giorno del Venerdì Santo, come da tradizione. Infatti, il 15 aprile…

2 min, 8 sec

Dopo lo stop dovuto alla pandemia, le statue dei “Mistiari”, custodite nella chiesa dell’Annunziata, “riprenderanno” il loro cammino nel giorno del Venerdì Santo, come da tradizione. Infatti, il 15 aprile si svolgerà nuovamente la processione dei Mistiari, offrendo l’opportunità alla comunità di vivere un forte momento di fede nel giorno più alto di tutto l’anno liturgico.

Grazie alla fine dello stato di emergenza, del 31 marzo scorso, è stato possibile ottenere l’autorizzazione per lo svolgimento della manifestazione religiosa che si snoderà per le vie di Sambiase secondo un itinerario nuovo, dettato dal Commissariato di PS per esigenze di ordine pubblico e di viabilità.

Finalmente si può riprendere un’antica tradizione. Le statue, oltre a fare riferimento ai misteri della Passione di Cristo, conserva anche un significato sociale. Infatti con il termine “mistiari” ci si riferisce anche ai mestieri e i più anziani raccontano che un tempo, le statue, nel Venerdì Santo, venivano portate a seconda del lavoro che il portantino, appunto, svolgeva.

Secondo quanto riportato da Enrico Borrello nel suo libro “Sambiase – Ricerche per la Storia della Città e del suo territorio”, edito nel 1948, le statue dei Mistiari risalgono al 1601, anno in cui fu istituita la Congregazione dell’Annunziata e riconosciuta ufficialmente dal Vescovo Confalone in data 25 maggio 1622.

“E’ a questa data – leggiamo nel libro di Borrello – che rimontano le belle statue dei Misteri della Passione, la cui processione, nel Venerdì Santo, richiama il concorso di tutta la cittadinanza. La data che si legge su una di esse, del 1683, deve ritenersi, secondo noi, come riferibile a una restaurazione. E le statue sono precisamente quelle di oggi. Le troviamo elencate nell’Inventario della ‘Platea dei beni della Chiesa di Maria sempre Vergine Annunciata’, nell’archivio comunale: Gesù che fa orazione, Gesù legato alla colonna, Gesù colla canna legata in mano, Gesù che porta la Croce, Gesù Crocifisso, Gesù morto, Statua della Vergine Addolorata”.

Il 15 aprile alle ore 17.30 si vivrà nella Chiesa Matrice la Solenne Azione Liturgica “In Passioni Domini”, a seguire, alle 18.30 dalla medesima chiesa partirà la Processione dei Mistiari, nel corso della quale si mediterà con gli stessi testi che saranno usati alla Via Crucis del Papa al Colosseo.

ITINERARIO DELLA PROCESSIONE:

Partenza da Corso V. Emanuele (Chiesa Matrice)

Via D. Porchio

Chiesa Addolorata

Via Ferruccio

Via G. Matteotti

Via Matarazzo

Chiesa del Carmine

Piazza Garibaldi

Via G. Sinopoli

Via Matarazzo

Piazza Fiorentino

Via Oslavia

Via A. De Gasperi

Via F. Cupiraggi

Piazza 5 Dicembre

Arrivo su via della Libertà (Chiesa Annunziata)