Salta Consiglio Comunale Lamezia per mancanza numero legale, i consiglieri di maggioranza: “Oggettive impossibilità a presenziare”

Riguardo al mancato svolgimento del Consiglio Comunale per mancanza del numero legale, intervengono con una nota i consiglieri di maggioranza: “La nostra riflessione non vuole, in alcun modo, esprimere giudizi…

Salta Consiglio Comunale Lamezia per mancanza numero legale, i consiglieri di maggioranza: “Oggettive impossibilità a presenziare”

Riguardo al mancato svolgimento del Consiglio Comunale per mancanza del numero legale, intervengono con una nota i consiglieri di maggioranza: “La nostra riflessione non vuole, in alcun modo, esprimere giudizi…

1 min, 9 sec

Riguardo al mancato svolgimento del Consiglio Comunale per mancanza del numero legale, intervengono con una nota i consiglieri di maggioranza: “La nostra riflessione non vuole, in alcun modo, esprimere giudizi su legittime, seppur non condivisibili, scelte politiche della Minoranza consiliare. Ciò che abbiamo però appreso è che in Politica bisogna sempre avere davanti a noi la tutela del bene comune.

Un vecchio monito, dal quale sarebbe sempre bello trarre stimolo e linfa, affermava:

“Ognuno di noi per perseguire la vera Politica, quella del bene comune, dovrà mettere – davanti a sé e prima di ogni altra cosa – gli interessi della collettività e solo dopo quelli del Partito o di parte”.

Non dovremmo mai dimenticarlo. Precisiamo che la maggioranza consiliare è coesa e salda nel perseguire il bene della Città. Sulla vicenda appena scorsa del Consiglio Comunale, diciamo solo che ci trovavamo dinanzi a quattro Consiglieri di maggioranza assenti che avevano oggettive impossibilità a presenziare.

Il Consiglio Comunale, a nostro parere, si sarebbe potuto tenete proprio a tutela di problemi reali, alcuni condivisi ed indicati dalla minoranza.

Il Consiglio, tra l’altro, avrebbe discusso di problemi lavorativi di padri di famiglia e di possibili ricadute economiche sul territorio, nonché di finanziamenti per la messa in sicurezza di zone collinari cittadine a rischio idrogeologico, gravate attualmente da frane.

Problemi reali e non tatticismi politici, legittimi, ma, ripetiamo, senza senso in un momento drammatico a livello mondiale”.